I migliori luoghi di pesca nel Mar Tirreno

La pesca nel tirreno è una delle attività principali a livello italiano. In tutto il bacino mediterraneo si conta un contributo economico di circa il 4% di tutta l’attività di pesca sia a livello industriale che sportivo. Ma quali sono i migliori posti per la pesca nel Tirreno?

Migliori posti per la pesca nel Tirreno: cosa pescare

Il Tirreno è un mare pescoso, caratterizzato dal riscontro di correnti calde e fredde che favoriscono la migrazione di specie come i tonni e i pesce spada, che sono largamente presenti in questi mari.

Nel bacino del Mediterraneo e nel Tirreno in particolare, sono presenti diverse specie di pesci:

  • gallinelle,
  • spigole,
  • orate,
  • tonni,
  • pesce spada,
  • dentice,
  • cozze nere,
  • Lampuga,
  • Merlano o Molo,
  • Pagro,
  • Palamita,
  • Passera di mare,
  • sciabola,
  • Potassolo,
  • Tordo,
  • Triglia di scoglio.

Molto spesso si va incontro ai cosiddetti fermi biologici presenti e regolamentati per preservare le specie dall’estinzione. Di solito questi fermi sono ampiamente presenti in tutta la zona mediterranea, sia quindi nel Mare Ionio che nel mare Tirreno.

Lo sforzo politico attuale è quello di promuovere il consumo di pesce locale e quindi sostenibile, come quello proveniente proprio dal Mar Tirreno.

Metodi di pesca nel Tirreno

Il Tirreno ha acque più limpide dell’Adriatico, a causa della sua composizione vegetale, meno mobile e dinamica. Questo fattore aiuterà nel caso di lancio dell’esca, che riesce a essere visibile anche da grandi distanze.
Basteranno quindi meno esche per portare a casa lo stesso quantitativo di pescato rispetto al Mare Adriatico. Il Tirreno è un mare ricco di correnti, che quindi crea degli scompensi nella direzione dell’ancora (tipo di pesca maggiormente utilizzato in questo mare).

Bisogna quindi avere una profonda conoscenza delle correnti e del loro moto per riuscire a fare una buona battuta di pesca in questo mare. La strisciata è più corta, perchè ostacolata appunto dalle correnti.

Molto spesso si usa pescare alla traina, ad esempio grossi pesci come tonno rosso o spigola, con esche vive come sarde o piccolo pesce azzurro.

La pesca alla traina, soprattutto di grosse specie, è vietata in determinate zone, per salvaguardare la riproduzione dei grossi esemplari come tonni rossi o pesce spada, che vengono cacciati in territori protetti e solo per pesca sportiva.

I luoghi migliori per pescare nel Tirreno

Se interessati a grosse specie, senza dubbio si consiglia il Sud Italia e la Toscana. La zona del livornese ad esempio è molto ricca di pesce azzurro come ad esempio le sarde, le spigole. Per chi invece volesse cimentarsi nella pesca del pesce spada con tecnica alla traina, con esche vive come ad esempio sarde.

E’ molto importante pensare che la pesca tirrenica è una pesca di profondità, in quanto l’Adriatico è meno profondo e quindi ci sono da considerare sia le correnti che il tipo di esche da utilizzare, nonchè le canne e l’attrezzatura adatta.

Tutto il materiale da pesca, dalle canne ai mulinelli, dalle esche all’abbigliamento è possibile trovarle in uno dei migliori negozio di pesca online, Tognini Pesca.